Le prossime bollette dei rifiuti rischiano di diventare vere stangate per i milazzesi. Con il sequestro della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea e la contestuale chisura, i comuni del messinese, tra cui Milazzo, sono stati costretti a smaltire nel catanese con un aggravio dei costi che in un anno potrebbe raggiungere i 2 milioni di euro. L’assessore all’Ambiente, Damiano Maisano ha partecipato a Palermo al convegno organizzato dall’Anci Sicilia in collaborazione con il Comune di Palermo e con la Rap (Risorse Ambiente Palermo) sul tema “Il Sistema integrato di gestione dei rifiuti nel Mezzogiorno, dalla raccolta allo smaltimento attraverso la differenziata e il recupero”. Obiettivo dell’incontro era quello di fornire informazioni ai Comuni per avviare un nuovo processo nella gestione dei rifiuti, incentivando la raccolta differenziata ed il recupero dei materiali programmando nuovi e adeguati siti di smaltimento. «E’ fondamentale visti gli elevati costi di gestione – ha detto Maisano – dare massima priorità alla raccolta differenziata per limitare il conferimento in discarica e al tempo stesso individuare modalità e forme di gestione efficaci per migliorare la qualità dei servizi aumentando le garanzie per i cittadini nel rispetto dei criteri di efficienza ed economicità”. A Milazzo si smaltiscono circa 18 mila tonnellate di rifiuti all’anno, una media di 1400 tonnellate al mese, che aumenta del 20 per cento  nel periodo estivo. Lo scorso anno il costo del servizio è stato di 4 milioni e mezzo, quest’anno  la spesa dovrebbe aggirarsi sui 6 milioni e mezzo, in quanto il trasferimento da Mazzarrà a Catania, tra costi di trasporto ed oneri di conferimento, incide per circa 160 mila euro al mese, cifra che aumenta nel periodo estivo.

Condividi questo articolo
860 visite

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Eddy
Eddy
5 anni fa

ma quando si capirà che, a parte la raccolta differenziata, che bisogna certamente incentivare, ci vogliono i termovalirizzatori, anche e soprattutto in Sicilia. Perché le discariche inquinano le falde acquifere, da cui attingiamo l’acqua potabile ! Se ci sono anche al centro delle più importanti città, come mai noi le rifiutiamo anche in un cucuzzolo di montagna ?

pantaleo
pantaleo
5 anni fa
Reply to  Eddy

Eddy , individua un posto fai un progetto e vediamo se è possibile realizzarlo. Io proporrei la ram , come discarica .

Andrew
Andrew
5 anni fa

Colpa di questo, colpa di quello,…. quando la smettiamo? purtroppo causa lavoro vivo in una provincia lombarda al secondo posto per la raccolta differenziata e quello che posso testimoniare è che ognuno è responsabile dei propri rifiuti. Ogni famiglia mette davanti la propria casa o condominio il proprio sacchetto di umido, plastica, carta e così via e dalle 2 alle 3 volte la settimana passano porta a porta per il ritiro, certamente non si vedono quei cassonetti maleodoranti presenti nelle vie cittadine. Inoltre preciso ogni singolo sacchetto viene controllato dall’operatore di raccolta che se nota delle anomalie lo lascia davanti… Leggi il resto »

giuseppe
giuseppe
5 anni fa

Non si può accusare la vecchia amministrazione per quello che andremo a pagare come tasse. Datevi una mossa e fate partire immediatamente la differenziata. Ci sono molte cittadine virtuose da cui prendere l’esempio. Documentatevi ed agite altrimenti se non è il vostro mestiere lasciate l’incarico e tornate a casa.

Paolo
Paolo
5 anni fa
Reply to  giuseppe

la vecchia amministrazione per due anni ha raccontato la frottola della raccolta differenziata. Parte oggi, parte domani (anche il porta a porta), volantini, appuntamenti e poi….zero. Quanto a chiacchiere in questo erano i primi in Italia

pantaleo
pantaleo
5 anni fa

Ancora vi dovete pentire ki ha votato il vekkio comunismo

stanislao
stanislao
5 anni fa

Complimenti all’assessore Maisano, il primo annuncio che fa, qual’è? Ci comunica che aumenteranno le bollette della spazzatura, BRAVO!!! Cominciate bene. A proposito nella qualità
di Presidente dell’Associazione Salmeri la pagate la spazzatura? Non è una concessione demaniale? Ed alla stregua dei lidi e dei porticcioli turistici non vi spetta pagare la tariffa per i rifiuti prodotti in base ai mq occupati? Un’altra cosa ma n.q. di assessore/consigliere comunale, la sua carica non è incompatibile con quella di Presidente di un’Associazione? Controllore e controllato non è molto etico…

Rasty
Rasty
5 anni fa
Reply to  stanislao

Veramente non era colpa di quelli di prima e non è colpa di quelli di oggi. Il comune di Milazzo è costretto a portare i rifiuti a Catania su disposizione della regione, se bisogna attribuire mancanze lo puoi fare all’ex amministrazione che in cinque anni non è stata in grado di lanciare la differenziata con serietà e ora i milazzesi pagheranno un conto salato.