Salvo Presti mi ricorda John Boy Walton, uno dei protagonisti del telefilm “La famiglia americana”, serie tv degli anni ’80. Era il classico bravo ragazzo, quello dalla faccia pulita che faceva sempre la cosa giusta. Un ruolo che imprigionò l’attore che lo interpretava, Richard Thomas, al punto che per far dimenticare John Boy cominciò ad interpretare ruoli di psicopatici che lo relegarono a film di serie b, fino a farlo finire nell’oblio. Salvo Presti è il John Boy di Milazzo. Prima tutti lo osannavano per la sua faccia pulita, per la sua cultura, per la sua pulizia morale. Improvvisamente, dopo avere rinunciato alla candidatura, è diventato un venduto, l’espressione della politica più becera. E ad accusarlo sono gli stessi che fino a poche ore prima lo corteggiavano politicamente chiedendo di fare il passo indietro per sostenere loro. Cosa dimostra questo? Che a Milazzo non esistono le mezze stagioni ma manco le mezze misure. Presti non era il salvatore della patria, ma neanche quello che è stato dipinto dopo avere appoggiato Giovanni Formica, esponente del Pd, il suo stesso partito. Presti ha capito subito che una cosa era dare un segnale all’interno delle primarie, un’altra portare avanti una gravosa e costosa campagna elettorale con i tanti che hanno gridato “armiamoci e partite”. Dunque cosa fare? Andare avanti da solo con i tanti che dopo la pacca sulla spalla scomparivano? Buttare alle ortiche il lavoro e la passione del gruppo di sostenitori e simpatizzanti che si era riunito attorno al suo progetto? O tentare di ricompattare il partito e dare una testimonianza all’interno di una coalizione che avrà voti ma è ancora alla ricerca di un’anima? Salvo Presti, purtroppo, è un illuso. Ha scelto la terza opzione. Trasformandosi nel John Boy di Milazzo. Un bravo ragazzo e un ruolo da bad boy che gli sta stretto.

Gia.C.

Condividi questo articolo
932 visite

7
Rispondi

avatar
400
5 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
lucagmimmoPaoloPaolo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
luca
Ospite
luca

Citazione:
“Prima tutti lo osannavano per la
– sua faccia pulita – ha fatto passare tutti i partiti….
– per la sua cultura – se è quella che si evince dai suoi film, da “Metacronaca” in poi…..
– per la sua pulizia morale – vedasi Circuito del Mito….
Salvo si è visto vicino a Nania, a Buzzanca, a Italiano ora sta nel PD, manco la coerenza gli è rimasta.

Paolo
Ospite
Paolo

Gmimmo, il mio non è un pensiero da milazzoto, è un ragionamento semplice e lineare che credo possa essere adottato da trento a milazzo senza paura di rigetto, molto più di quello fatto dall’ex candidato a sindaco. Se tutti partecipassero alle elezioni, avendo la certezza della vittoria, sarebbe assurdo e stupidamente inutile farne di nuove, ma partecipare sperando di ottenere risultati in forza delle idee e della riuscita del proprio pensiero e dell’opera di convincimento è normale, fisiologico. L’ex candidato Presti, non è l’ultimo arrivato, si è occupato di cose forse più serie della politica cittadina ed organizzativamente, mi sembra… Leggi tutto »

gmimmo
Ospite
gmimmo

mi riferivo al post “che fil fici” dove per fil credo si volesse scrivere film. L’errore di Presti è stato quello di non ritirarsi all’alba dell’annullamento delle primarie, capisco la delusione di chi avrebbe auspicato la possibilità di avere sindaco Presti ma ripeto senza la legittimazione delle primarie sarebbe stata impresa improba. Purtroppo la politica è anche questa e comunque non basta un buon sindaco, chiunque esso sia, per far cambiare le cose, troppi interessi e troppi compromessi e troppa gente inutile a sedere sugli scranni e non dimentichiamo che da troppe legislature a Milazzo si da il voto a… Leggi tutto »

Paolo
Ospite
Paolo

Perdonami, questione di omonimia…….sono l’altro Paolo

gmimmo
Ospite
gmimmo

premesso che Lo Presti è realmente una persona per bene e che senza l’eventuale legittimazione delle primarie avrebbe avuto ben poche possibilità di vincere le elezioni, così come si evince dalla sintesi del milazzoto pensiero postato da Paolo. Non è chiaro quale sarebbe la “malaparata”, sostenere Formica ha una logica politica quasi elementare così come avere un assessorato in caso di successo. Chi si “scandalizza” o non capisce un c….. di politica o vive nel paese di Alice

Paolo
Ospite
Paolo

Salvo Presti, che fil fici?

Paolo
Ospite
Paolo

Trovo molto poetico dipingere un fatto meramente politico, come una scena da telefilm e umano. Trovo inoltre poco serio, senza offendere nessuno, partire lancia in resta con idee e progetti legati ad una Milazzo nuova, una Milazzo diversa e fermarsi dopo pochi metri di corsa. Faccio i conti della serva, quando ci si mette in corsa per una cosa del genere lo si fa sapendo o almeno immaginando a cosa si va incontro, quali sono gli impegni ecc.ecc. Non è il solo video di presentazione, non è solo farsi vedere carichi di speranze è tanto altro. Ma questo va fatto… Leggi tutto »