Il Cga di Palermo ha accolto il ricorso in appello presentato dal Comune avverso la sentenza del Tar che riconosceva le ragioni della ditta Enea Carluccio di Lecce promotrice del ricorso nei confronti del Comune sulla gara relativa l’affidamento dei lavori della videosorveglianza del territorio. Il Comune – che aveva annullato la precedente gara – nel frattempo ha proceduto ad un nuovo affidamento alla ditta Mandarin Spa di Catania che ha offerto un ribasso del 33,48 per cento sul prezzo a base d’asta di 199 mila euro. Il progetto prevede l’installazione di 32 telecamere sul territorio comunale che opereranno attraverso un monitoraggio da una postazione centrale collegata tramite una rete di trasmissione dati in ponte radio e da una postazione di controllo (Client) installata al comando di polizia locale. Le aree individuate sono il Borgo Antico che comprende oltre tutte le zone interessate dalla “movida”, Capo Milazzo; l’area centrale di espansione (via Risorgimento, via Tre Monti, via Magistri dove sono ubicate scuole e complessi abitativi), l’area di Ciantro, Valverde che ospita edifici sportivi e scolastici e il Lungomare Garibaldi incluse via Medici, piazza Caio Duilio e piano Baele, dove insi-stono attività commerciali e ritrovi e che rappresenta un punto di richiamo per i forestieri.

Condividi questo articolo
404 visite