Un bando per adottare le rotonde dell’Anas allo svincolo di Milazzo e a Corriolo. E’ la proposta che lancia Carmelo Formica, presidente del Consorzio turistico milazzese, sfruttando la presenza di decine di importati vivai in città. Formica prende spunto dalla polemica relativa alla mancata cura delle rotonde dell’Anas che accolgono coloro che escono allo svincolo autostradale di Milazzo. Domani, lunedì 23 giugno, l’Anas – sollecitata dall’amministrazione comunale – comincerà i lavori di scerbatura. Formica in una nota, stigmatizzando anche l’identica situazione in città, territorio su cui è responsabile il Comune, ricorda di avere scritto all’Anas il 27 novembre scorso auspicando un intervento e proponendo all’Anas una cessione della manutenzione ai vivaisti in cambio di una pubblicità.

«Dalla direzione Anas di Catania, a cui mi sono rivolto su suggerimento della sede centrale di Roma – scrive Formica – non ho mai avuto risposta. Più volte ho tentato di dialogare con un dirigente preposto (alla pratica è stato affidato un numero di protocollo dalla direzione di Roma) ma non mi ha mai degnato di un riscontro. Un comportamento gravissimo. Tutte coloro che vengono a Milazzo – a cominciare dai turisti – vengono accolti da uno scenario da terzo mondo. Situazione che rende vano l’impegno degli operatori turistici impegnati a proprie spese a promuovere Miazzo». L’invito è rivolto anche all’amministrazione comunale. «Le aiuole anche se a volte sono diserbate, sono povere di fiori e per altro articolate in un modo anonimo, ben lontane dalle aiuole sui maggiori laghi, italiani che a volte non ospitano nel circondario strutture vivaistiche come quelle del milazzese – scrive Carmelo Formica – si potrebbe istituire un bando rivolto ai vivaisti e in cambio dare loro la possibilità di apporre un loro logo pubblicitario».

 

Condividi questo articolo