Si avvicina la campagna elettorale e i cinquestelle e il sindaco Carmelo Pino polemizzano anche sui…bagni pubblici. In una nota i pentastellati di Milazzo ricordano che a maggio 2013 il Sindaco Carmelo Pino e l’assessore Dario Russo avevano annunciano in un comunicato stampa la necessità di predisporre per tempo servizi adeguati ad accogliere i turisti in vista dell’imminente stagione estiva. Tra questi, la riattivazione «dopo ben 15 anni dei servizi igienici pubblici di via Crispi, indispensabili in una città turistica che vuol fare dell’ospitalità il suo punto di forza», si leggeva nel comunicato stampa diramato da palazzo dell’Aquila.

gli ex bagni pubblici di milazzo

“Eppure chi oggi si avvicina – turista o comune cittadino – ai civici 2 e 4 della centralissima via Crispi per l’espletamento dei propri bisogni fisiologici si trova di fronte a due malinconiche porte chiuse – contestano i cinquestelle –  sulle quali campeggia una nota emessa lo scorso anno (giugno 2013) dalla locale ditta Ratidion che attestava l’avvenuta disinfestazione dei bagni. Nelle immediate vicinanze, volgendo lo sguardo alla ricerca di un water, nemmeno l’ombra dei bagni chimici provvisori che pure in passato erano stati installati proprio accanto all’ingresso delle pubbliche latrine milazzesi. Chi proprio non la può trattenere – sottolineano – vada al bar più vicino o tenti piuttosto di farla in mare nelle vicine banchine del Molo Marullo! Sulla base di questi presupposti risulta inutile parlare di miglioramento dei servizi esistenti, visto che in passato il consiglio comunale, in un documento incentrato sull’abbattimento delle barriere architettoniche, aveva lamentato l’«assenza di bagni pubblici idonei all’accesso di persone disabili». “Llasciando da parte le sterili”, conclude la nota, polemiche ed allo scopo di migliorare davvero l’accoglienza dei turisti in visita nella nostra Milazzo, il Movimento 5 Stelle invita l’Amministrazione comunale ad attivarsi con urgenza al fine di riattivare i bagni pubblici di via Crispi.

 

Condividi questo articolo
450 visite