ULTIMA ORA. Al porto di Milazzo si sta cercando di capire se all’interno dell’auto caduta in mare intorno alle 17, oltre all’uomo alla guida, ci fosse pure un passeggero. Il sostituto procuratore di Barcellona, Fabio Sozio, ha dato disposizione affinchè intervengano i sommozzatori dei carabinieri che stanno arrivando da Messina. Solo dopo si provvederà al recupero tramite un mezzo speciale della Coop Poseidon presente sul posto. Alla guida della Golf bianca c’era C.D.S., 52 anni, nato a Barcellona ma residente a San Filippo del Mela, sposato ma – secondo le prime indiscrezioni – separato dalla moglie.

Il soccorsi sul luogo dell’incidente

La macchina si è inabissata nella parte terminale del Molo Marullo, dove attraccano i mezzi della Guardia di Finanza. Ancora non si è capito se si sia trattato di un incidente o di un tentativo di suicidio. Quello, infatti, era l’unico spazio dove non vi erano i new jersey in pietra che impediscono alle automobili di avvicinarsi troppo al mare. C.D.S – secondo una prima ricostruzione – dopo che la macchina è caduta in mare sarebbe riuscito ad uscire dall’abitacolo e a ritornare a galla. E’ stato soccorso da operatori marittimi presenti sul posto. Immediatamente la capitaneria di porto (i cui uffici si trovano sulla banchina) hanno chiamato il 118, i vigili del fuoco, forze dell’ordine (sul posto sia i carabinieri che la polizia). L’uomo si trova al Pronto soccorso dell’ospedale Fogliani in stato confusionale e non è in grado di stabilire con certezza se nella Golf ci fosse un passeggero. A breve ulteriori aggiornamenti.

Condividi questo articolo