Oggi Milazzo spegne la seconda candelina. In pochi credevano che potesse raggiungesse questo traguardo, forse neanche i fondatori che hanno ideato un progetto editoriale quotidiano dedicato esclusivamente a Milazzo. Una pazzia di sito da aggiornare 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno. Due anni per un bambino è l’inizio di un percorso, per un giornale è una eternità. Specialmente in un periodo in cui l’editoria è in una crisi profonda e anche l’online ancora non genera profitti significativi. Oggi Milazzo, invece, c’è e sarà sempre più presente nel tessuto cittadino con l’organizzazione di eventi, convegni, iniziative realizzate in collaborazione anche con altre associazioni, senza guardare al colore politico ma alla sostanza. In occasione di questo anniversario potevamo snocciolare i numeri raggiunti negli ultimi 12 mesi con punte record di 6800 lettori unici in un solo giorno (dati certificati dal provider Aruba), ma serve a poco. Voi conoscete Oggi Milazzo, se “funziona” o meno lo sapete già, non ve lo dobbiamo dire noi.

Alcuni ringraziamenti sono, però, d’obbligo:, ringraziamo i nostri collaboratori storici Sebastian Donzella e Massimo Tricamo che ancora ci sopportano; i lettori che ci segnalano quotidianamente notizie e ci danno suggerimenti preziosi per essere sempre aggiornati e tempestivi; ringraziamo coloro che sminuiscono il nostro lavoro ma poi si collegano continuamente dandoci la forza di andare avanti e migliorarci; i commercianti ed imprenditori che sponsorizzano questo progetto giornalistico e culturale riconoscendolo come strumento insostituibile per promuovere la propria attività. Dimenticavamo: un pensiero anche chi a distanza di due anni ci chiama ancora “Milazzo Oggi” o “Il giornale di Milazzo”. Noi non ci offendiamo, basta che continuiate a collegarvi al sito giusto.

Condividi questo articolo