Stagione turistica da incorniciare a Milazzo. Secondo i dati statistici elaborati dall’Unità Operativa di Patti del Servizio Turistico Regionale numero 16 diretto da Cono Antonio Catrini, Milazzo, nel mese di agosto, ha registrato un +29,25% sul totale degli arrivi ed un +24,19% sul totale delle presenze rispetto al 2012. A preferire la città del capo sono stati per lo più stranieri, attirati dalle variegate offerte che spaziano dai numerosi bed & breakfast alle strutture ricettive di lusso come l’Eolian nella zona di Vaccarella (solo una leggera flessione negativa del -2,30% sugli arrivi degli italiani nelle strutture extralberghiere cui però fa fronte un +30,25% di arrivi negli esercizi alberghieri).

La spiaggia di ponente

Più significativa la percentuale dei flussi stranieri: +62,66% negli esercizi alberghieri e sul +37,83% negli esercizi extralberghieri. Di tre giornate circa la permanenza media a Milazzo da parte dei turisti, provenienti principalmente da Sicilia, Campania, Puglia, Piemonte, Lombardia, Veneto, Francia, Germania, Spagna e Svizzera. “Da operatrice turistica, confermo i dati – dice Daniela Lucchesi dell’Eolian Hotel e responsabile turismo di Confcommercio Messina – questo è frutto del lavoro svolto nelle borse del turismo internazionale dove abbiamo promosso il “prodotto Milazzo” poco conosciuto da questo punto di vista. Ormai sono in molti a credere nelle potenzialità turistiche della città, il consorzio che abbiamo costituito con decine di operatori locali ne è la riprova».

 

Condividi questo articolo
395 visite