Oltre 22 milioni di euro assegnati ai comuni messinesi andranno persi se gli enti pubblici non li impiegheranno entro il 31 dicembre. La somma più importante riguarda il comune di Milazzo a cui sono stati concessi 8 milioni per l’adeguamento del depuratore. La Filca, Federazione dei lavoratori edili della Cisl, alza il livello d’attenzione su una grande opportunità di ossigeno per il settore edile legati ai fondi europei Cipe (delibera n. 60/2012).

il depuratore di milazzo

“Dal report stilato dalla Filca Cisl di Messina – spiega il segretario provinciale Giuseppe Famiano – si evidenzia come nel semestre tra ottobre 2012 e marzo 2013 sono andati persi 1200 posti di lavoro rispetto al semestre di riferimento ottobre 2011-marzo 2012. Un dato che aumenta se si prendono in considerazione gli ultimi cinque anni a oltre 5000 posti di lavoro. La Filca Cisl denuncia da tempo la grave situazione che vive il settore edile in provincia, con pochi cantieri aperti a rischio chiusura da un momento all’altro. “Solo con lo sblocco delle opere pubbliche si può incentivare l’occupazione – sostiene ancora Famiano – per questo ci siamo rivolti ai sindaci dei comuni del messinese affinché si attivino per sbloccare tutte le opere finanziate con la delibera Cipe n. 60/2012”. Sarà una lotta contro il tempo, considerata la scadenza ravvicinata. Anche per questo la Filca Cisl non vuole far cadere l’attenzione in un periodo dell’anno in cui, magari, si pensa più alle vacanze che alla programmazione. “Se i lavori non verranno avviati entro la fine dell’anno i Comuni vedranno sfumare la possibilità di utilizzare i fondi per gli 8 interventi finanziati con delibera CIPE, con 22.233.852 euro, che sono fermi in attesa di adeguare il progetto preliminare con la nuova normativa”, avverte il sindacato. In realtà, proprio dopo il comunicato della Cisl, il 3° ufficio di staff “Ambiente e servizio idrico integrato” ha proceduto alla pubblica­zione del preavviso di bando europeo del 2° stralcio di completamento dell’impianto di depurazione comunale di contrada Fossazzo per un importo com­plessivo di 8 milioni di euro. Ciò consentirà di comprimere i termini di ricezio­ne delle offerte da parte dell’UREGA di 20 giorni, in maniera da velocizzare le procedure per individuare la ditta assuntrice dei lavori entro il 31 dicembre 2013, termine ultimo imposto dalla Comunità europea. La progettazione definitiva è stata redatta da un gruppo di lavoro costituito da personale comunale, mentre l’impresa aggiudicataria dell’appalto integrato provvederà a redigere la progettazione esecutiva, realizza­re la 2° linea depurativa in modo che sia pienamente funzionante per un carico inquinante di 40.250 ab./equ. e garantire per dodici mesi la gestione ordinaria del presidio depurativo compreso i quindici impianti di sollevamento al servizio della rete fognaria. A questo punto si attende che il Genio civile convochi la conferenza speciale dei servizi per l’approvazione del proget­to e che subito dopo l’Urega provveda ad esperire l’appalto integrato nei tempi assegnati.

Tabella degli interventi finanziati nella provincia di Messina dalla delibera Cipe n. 60/2012

 

Interventi nella provincia di Messina

Settore

Costo intervento

Finanziamento disponibile

Comune di Capo d’Orlando – Adeguamento ID Capo d’Orlando

Idrico- depurazione

€ 1.350.000,00

€ 1.350.000,00

Comune di Furnari -Adeguamento ID Furnari Terme

Idrico- depurazione

€ 1.420.256,00

€ 1.420.256,00

Comune di Gioiosa Marea – Adeguamento ID Gioiosa Marea- Piraino

Idrico- depurazione

€ 2.903.369,00

€ 2.903.369,00

Comune di Goiosa Marea – Adeguamento ID Gioiosa S. Giorgio

Idrico- depurazione

€ 904.227,00

€ 904.227,00

Comune di Milazzo -Secondo lotto ristrutturazione e adeguamento ID C. da Fossazzo e condotta sottomarina

Idrico – depurazione

€ 8.000.000,00

€ 8.000.000,00

Comune di Patti- Adeguamento ID Patti

Idrico – depurazione

€ 2.070.000,00

€ 2.070.000,00

Comune di S.Agata M.llo – Adeguamento ID a servizio dei comuni di Sant’Agata Militello e Acquedolci

Idrico – depurazione

€ 2.586.000,00

€ 2.586.000,00

Comune di Torregrotta – Collettore di adduzione all’ID dell’Asi di Giammoro

Idrico – Collettamento

€ 3.000.000,00

€ 3.000.000,00

Condividi questo articolo