Non solo nascondeva marijuana, ma anche armi con matrice abrasa probabilmente destinate ad altri esponenti della criminalità organizzata del comprensorio. La compagnia dei Carabinieri di Milazzo ha arrestato Carlo Isgrò, 25 anni residente nella frazione di Bastione. Dopo avere perquisito l’abitazione del giovane i militari gli hanno contestato il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ed armi da fuoco.

Da sinistra il tenente Letizia e il capitano Ruotolo con le armi sequestrate

Il blitz è stato portato a termine con l’’ausilio del nucleo cinofili di Nicolosi, fondamentale per il ritrovamento delle sostanze posizionate in un muro esterno alla casa all’’interno di appositi fori. Oltre i 220 grammi di marijuana sono state ritrovate in altre tre distinte fessure: una revolver calibro 38 con matricola abrasa ed otto cartucce, una semiautomatica calibro 22 dotato di 45 cartucce ed una semiautomatica calibro 9 con silenziatore, priva di matricola con relative 68 cartucce. Isgrò, incensurato, si trova agli arresti domiciliari. Le armi verranno inviate al Ris di Messina per cercare di capirne provenienza e destinazione. ““Con tutta probabilità Isgrò deteneva momentaneamente le armi, destinate in realtà ad altri soggetti malavitosi – – ha commentato il Capitano della Compagnia di Milazzo Ruotolo -– tenevamo sotto osservazione il giovane da tempo in quanto sospettato di traffici illeciti, con il rinvenimento della marijuana abbiamo avuto la conferma”.

 

Condividi questo articolo