Una web tv, mostre e il recupero di angoli dimenticati di Milazzo. Il sindaco Carmelo Pino e l’assessore alla Cultura, Stefania Scolaro hanno incontrato al Comune i ragazzi della Consulta giovanile per confrontarsi sulle iniziative future dell’organo. Il presidente Clarissa Gitto ha illustrato le iniziative svolte in questi biennio: dalla Marcia Longa all’esposizione fotografica sulla Shoah e sulle Foibe, dalla partecipazione a progetti europei e ministeriali alle raccolte benefiche di solidarietà; ricordiamo anche il riconoscimento “Meraviglia Italiana” che ha fatto rientrare Capo Milazzo tra i luoghi paesaggistici più significativi del patrimonio Italiano.

la consulta giovanile

“Non vogliamo fermarci – ha detto la giovane rappresentante – e abbiamo in mente alcune proposte significative per i prossimi mesi volte ad incentivare la creatività dei giovani e a migliorare luoghi che in città vengono, purtroppo, dimenticati e poco valorizzati. In programma anche una web tv attraverso la quale i ragazzi potranno esprimere liberamente le loro potenzialità, le loro attitudini e le loro passioni. Altro passaggio riguarderà la modifica dello Statuto. Il sindaco Pino e l’assessore Scolaro hanno ascoltato le proposte accogliendo anche la richiesta dei ragazzi di avere la totale disponibilità di un locale del Comune da utilizzare per le riunioni della Consulta e la programmazione delle attività, probabilmente individuabile presso l’ex scuola media Zirilli. “Siamo soddisfatti di questa disponibilità dell’Amministrazione – ha detto Clarissa Gitto – che riteniamo essenziale per affrontare e tentare di risolvere le problematiche che investono la comunità giovanile milazzese”.

Condividi questo articolo