In occasione della Festa della Donna, domani, 8 marzo, l’Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Leonardo Da Vinci” ospiterà alle 9,30 un incontro di analisi e riflessione sulla condizione della donna, vista nelle sue molteplici vesti, attraverso due volumi: l’ “Almanaccu sicilianu” e “Voci di donne migranti”. “Si profila così un percorso di passaggio – si legge in una nota – dalla visione tradizionale del genere femminile, proprio della realtà tradizionale siciliana, con l’ “Almanaccu”, fino alla testimonianza di una nuova realtà, che mantiene il ricordo di ciò che fu ma che si arricchisce degli apporti delle “Donne migranti”, impegnate in un’integrazione partecipata con il territorio ospitante”.

Nell’aula magna del “Leonardo Da Vinci” si avvicenderanno gli interventi della dirigente Stefania Scolaro, dell’esperto di usi e costumi locali Sergio Todesco, dell’autrice di “Donne migranti” Marisa Campanile , della presidente della sezione milazzese della FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professione e Affari) Sig.ra Graziella Cuzzupè , dell’editore Falcone e dello scrittore Lo Schiavo. La commissione Pari Opportunità dell’istituto per mantenere alta l’attenzione sul Femminicidio dedicherà uno spazio della mattinata ad un “ Flash Mob “ contro la violenza, che si terrà nel cortile della scuola, sulle note della canzone Break the chain ( Rompi le catene) di Tena Clark e Tim Heinz.

 

 

Condividi questo articolo
464 visite