I residenti della Piana e di Capo Milazzo non saranno penalizzati dai “tagli” decisi dall’Ast a seguito della riduzione del 20 per cento del contributo annuale erogato dalla Regione. Accogliendo la richiesta del sindaco Carmelo Pino, i vertici dell’azienda trasporti hanno rimodulato gli orari in maniera tale da salvaguardare le esigenze della comunità mamertina che nei giorni scorsi aveva espresso al primo cittadino la forte preoccupazione per la mancata effettuazione di collegamenti ritenuti indispensabili. L’intesa tra Amministrazione e Ast è stata raggiunta nel corso di una riunione svoltasi a palazzo dell’Aquila alla quale hanno partecipato oltre al sindaco Pino – promotore dell’incontro – gli assessori Santi Romagnolo e Pippo Midili, il responsabile del Suap, Alfio Insolera, il neo direttore dell’Ast, Giuseppe Carollo, accompagnato dal coordinatore provinciale Giovanni Salina e dal responsabile locale Francesco Cutugno.

 

I responsabili della società di trasporto pubblico hanno ribadito le difficoltà scaturite dai tagli dei fondi a disposizione delle aziende di trasporto da parte della Regione (complessivamente di 20 milioni di euro, ripartiti ovviamente pro quota) che hanno determinato conseguentemente una riduzione dei servizi in tutti i Comuni siciliani. Il sindaco Pino da parte sua, prendendo atto della situazione, determinata da circostanze esterne al Comune, ha però spiegato che a Milazzo – dove l’Ast opera su sei tratte urbane – vi sono delle aree, come la Piana e il Capo, dove il servizio diventa essenziale, vista la presenza di pensionati e pendolari che sono costretti ad utilizzare il mezzo pubblico in determinati orari per esigenze di lavoro o per raggiungere gli uffici del centro cittadino. “Se proprio si deve tagliare – ha detto Pino – si eliminino le corse dove si registra minor presenza di utenti”. Una proposta accolta e nella rimodulazione degli orari, le linee di collegamento con la Piana e Capo Milazzo sono state salvaguardate. “Un risultato importante – ha detto il sindaco – visto che in queste settimane avevamo registrato lamentele dell’utenza. Ho sollecitato questo incontro con l’Ast e aver trovato una soluzione è stato sicuramente positivo in quanto siamo riusciti a tutelare le esigenze della popolazione scolastica e degli anziani e soprattutto i collegamenti con la periferia (Fiumarella, frazioni della Piana e Capo)”. In atto a Milazzo l’Ast, secondo quanto previsto dal contratto di servizio stipulato col Comune dovrebbe garantire un totale di 245.311 chilometri a fronte del quale viene corrisposto un importo di 649 mila euro (iva esclusa). Il programma prevede 6 linee per 132 corse feriali e 38 festive, che l’azienda serve con 15 mezzi.

 

Condividi questo articolo
595 visite