Partirà domenica in piazza Perdichizzi il Mercatino del Biologico che l’Amministrazione comunale ha deciso di avviare inizialmente per tre mesi per far rivivere il cuore della città ma anche per mettere a disposizione dei cittadini strumenti importanti per poter effettuare acquisti di qualità a prezzi competitivi. Saranno dieci le postazioni di vendita, ma l’obiettivo è crescere nel tempo. Sulle bancarelle del Mercatino, gli utenti troveranno – come evidenziato dai produttori che saranno presenti – frutta, ortaggi, conserve, confetture e formaggi ottenuti con le tecniche dell’agricoltura e della zootecnia biologica, che mettono al bando, per quando riguarda la coltivazione, prodotti chimici quali pesticidi, fertilizzanti, diserbanti, e nel caso dell’allevamento, mangimi contenenti sostanze chimiche, antibiotici e ormoni.Un settore, quello del biologico, che stenta a decollare in Sicilia, prima regione italiana per produzione e numero di aziende specializzate, ma tra le ultime per i consumi. A pesare, sono forse i costi leggermente superiori rispetto ai prodotti convenzionali, dettati da una migliore qualità, dalla garanzia certificata e dalle indiscutibili proprietà organolettiche degli alimenti. A Milazzo si cercherà di invertire la rotta e far sì che l’appuntamento possa consolidarsi nel tempo.

Condividi questo articolo