Sarà intitolata a Sergio Torre la base dell’ ospedale Sant’ Elia di Caltanissetta dal quale il 9 novembre si levò in volo l’elicottero del 118 schiantatosi sulle colline nelle vicinanze di Ramacca. Sergio Torre, 43 anni, era originario di Milazzo ma operava da quasi un decennio nel capoluogo nisseno. Alla tragedia è stato dedicato un quadro che già campeggia alla base dell’ospedale nisseno. Autrice è Tina Aldisi operatrice del 118 ma artista discretamente affermata. La tela mostra quattro corpi nudi in balia di un evento e un quinto corpo, quello di Sergio, che si eleva da questo groviglio e sale verso l’alto prima di essere colpito da una luce intensa.

Sergio Torre

Ho inteso rappresentare in questa maniera un momento che resterà impresso in tutti noi per sempre. Con questa tela, esposta perennemente nella stanza dove lavorava Sergio e l’ intitolazione della base alla vittima di questa tragedia, pensiamo di perpetuare il ricordo di un collega tanto valoroso quanto sfortunato. Sul disastro di Mineo la magistratura di Caltagirone ha aperto una inchiesta nominando un perito di Roma che avrà il compito di stabilire cause e modalità che hanno determinato il crollo dell’ elicottero impegnato in quello che tecnicamente viene definito trasferimento secondario cioè da ospedale a ospedale. Quel giorno nel messinese impervesava il maltempo e proprio le avverse condizioni atmosferiche avevano il pilota a modificare l’originaria rotta. Nelle vicinanze di Mineo il velivolo ha cominciato a perdere gradualmente quota schiantandosi contro una collina. Schianto rivelatosi fatale per Sergio Torre rimasto incastrato fra le lamiere dell’ eliambulanza.

Condividi questo articolo