Comincia la conta dei danni. Numerosi negozi hanno registrato danni a causa dell’invasione di acqua all’interno delle attivita’. Quasi tutti hanno chiuso, visto anche l’impossibilità da parte dei cittadini di uscire da casa. Veri fiumi di acqua tengono “prigioniera” nelle abitazioni migliaia di cittadini. Disagi non solo nella Piana, anche nei pressi di piazza Sacro Cuore, via Migliavacca, via Cassisi. E’ polemica anche sulla mancata chiusura delle scuole (LA CHIUSURA DELLE SCUOLE AVVERRA’ DOMANI). Sull’argomento è intervenuto il sindaco Carmelo Pino.

Carmelo Pino

«La protezione civile ci ha detto di stare in pre-allerta, al contrario di altri centri, dove la situazione era più grave – dice Pino – dunque non abbiamo ritenuto di prendere questa decisione. Abbiamo dato disposizione alle scuole di non far uscire gli alunni fino a quando la pioggia non l’avesse consentito (in realtà molti genitori hanno prelevato anzitempo i figli, ndr). Se la comandante dei vigili urbani, Giuseppina Puleo, in qualità di responsabile della Protezione civile, me lo avesse chiesto non avrei esitato a firmare l’ordinanza come ha fatto la città di Messina”. Stasera, alle 19, al Palazzo Municipale i consiglieri comunali si sono autoconvocati per un incontro urgante e discutere dei provvedimenti da prendere alla luce del disastro ambientale che ha colpito Milazzo.

Condividi questo articolo