L’ingegnere Santi Romagnolo è il nuovo dirigente dell’ufficio tecnico comunale. Come da previsione il sindaco Carmelo Pino ha nominato nuovo dirigente del settimo dipartimento “Ambiente e Territorio”. L’individuazione del nuovo dirigente è avvenuta a seguito di selezione avviata dall’amministrazione. «La nomina del nuovo dirigente – spiega il sindaco – scaturisce

Santi Romagnolo

dalla necessità di poter contare su una figura da affiancare a quelle esistenti nel dare attuazione a quelle iniziative – previste nel Piano di risanamento – intese al recupero dell’evasione e dell’elusione fiscale, nonché al recupero delle somme non corrisposte dai contribuenti; adempimenti che vedono un rilevante e notevole impegno organizzativo dei dirigenti tecnici. La presenza di un dirigente “a tempo pieno” al VII Dipartimento si impone anche per procedere alla definizione della variante al Prg, strumento indispensabile per la ripresa economico-occupazionale della città e per una razionale ed agevole pianificazione degli interventi infrastrutturali comunali necessari per la gestione ed il governo dei numerosi aspetti urbanistici ed ambientali, nonché per la gestione dei processi connessi al servizio idrico integrato ed alla conduzione dell’impianto di depurazione comunale. Continuare a lasciare uno dei due dipartimenti tecnici – che rappresentano il centro propulsore dello sviluppo, senza una guida avrebbe comportato anche gravi disservizi». Con la nomina dell’ing. Romagnolo alla guida del VII Dipartimento “Politica del territorio ed Ambiente”, l’arch. Natalia Famà, tornerà ad occuparsi esclusivamente del VI Dipartimento “Lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio” della quale è tito-lare. Ieri sera in aula la nomina è stata contestata dai consiglieri comunale nel corso della seduta.

 

Condividi questo articolo