«Per cortesia, per cortesia….per cortesia». Al presidente del consiglio comunale Gianfranco Nastasi è servito poco il suo riconosciuto equilibrio e la sua proverbiale pazienza nel condurre i lavori in aula. Dopo avere avuto un acceso diverbio con il sindaco Giovanni Formica e le intemperanze della consigliera Carmen Manna non gli è rimasto altro che abbandonare l’aula. Improvvisamente è ritornata la calma e a prendere la conduzione dei lavori è stata la consigliera Stefania Quattrocchi ma il risultato non è cambiato: il consiglio comunale non ha avuto il coraggio di approvare il bilancio consuntivo 2014 e l’arrivo di un commissario regionale sembra ormai  scontato. I lavori sono stati rinviati a martedì prossimo alle 11,30.

Oltre due ore di dibattito, dunque, che però non ha portato le forze politiche alla votazione della proposta di delibera presentata dalla giunta lasciando Milazzo e i milazzesi nel limbo. Il sindaco ha ribadito la sua delusione per il comportamento di una parte del consiglio comunale, annunciando che rinnoverà la richiesta di commissariamento alla Regione, poiché – ha detto – la città non può essere penalizzata dagli atteggiamenti ostruzionisti di una parte di consiglieri. “Se il Consuntivo non va bene, si presenti un emendamento e lo si modifichi, oppure lo si voti, approvandolo o bocciandolo. Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità”.

I lavori sono stati aperti, dopo i consueti interventi preliminari (controlli dei terrapieni contro il transito dei motociclisti chiesto da Alessio Andaloro e revisione della convenzione con i privati per la gestione del verde di villa Vaccarino, oggetto di un intervento del consigliere Alessandro Oliva) con la lettura della risposta data dal Collegio dei revisori dei conti ai consiglieri Piraino, Magliarditi e Midili su alcuni contenuti dello strumento finanziario oggetto di esame. I revisori nel ritenere “inconsueta e inopportuna” la richiesta hanno richiamato diverse norme regolatrici la materia e poi fornire qualche chiarimento.

Una risposta che non ha soddisfatto i proponenti tant’è che la consigliera Magliarditi ha chiesto un ulteriore rinvio per approfondimenti alla luce anche – ha sottolineato – dei dubbi sollevati dall’Organo di liquidazione. Più esplicito il consigliere Midili che per l’ennesima volta ha ribadito che “il Consuntivo 2014 così come presentato dall’Amministrazione sarà bocciato per ragioni tecniche. «Sarà il commissario quando s’insedierà a pretendere i necessari chiarimenti per dare – nei 30 giorni previsti dalla legge – la possibilità al consiglio comunale di pronunciarsi in maniera serena”.

Nel corso del dibattito sono poi intervenuti anche i consiglieri Antonino Italiano, Francesco Alesci, Antonio Foti, Paola Abbagnato e Rosario Piraino. Quest’ultimo è entrato in polemica con i Revisori dei conti, i quali, dichiarando di sentirsi “offesi” hanno lasciato l’Aula consiliare.

Condividi questo articolo
1.478 visite

Rispondi

4 Commenti su "Ostruzionismo in consiglio comunale, in arrivo un commissario per i bilanci"

avatar
400
più recente meno recente più votato
Filippo de Silva
Ospite

Il problema è che non ve ne volete andare nessuno!!

Giuseppe
Ospite

Sindaco se così ti possiamo chiamare ma per quanto tempo ancora dobbiamo assistere a queste sceneggiati da teatro ma a chi aspetti a dare le tue dimissioni e dare la parola ai cittadini e fare eleggere un sindaco che sia ingrato di fare il sindaco e fare rinascere questa nostra bellissima città

Giulio
Ospite

Un opposizione fallimentare con un presidente che abbandona l’ aula sbattendo la porta( manco fosse a casa sua).Fate lavorare il sindaco tanto tra 2 anni scomparira’ e per sempre! Invece l opposizione ce l ha contro la citta’.Vergogna.Dovete sparire tutti.Non ci sono altre parole.Andate via tutti.

Serenamente stanco
Ospite

Ma perchè non vi togliete tutti dai piedi e lasciate lavorare i soli uffici per portare a compimento la situazione contabile del comune? Fatelo subito per il bene di tutti. Non riesco a capire a che cosa possa servire la vostra presenza! Grazie di cuore se lo farete in massa sia Consiglio e sia Giunta.