Un nuovo appuntamento oggi per la seconda edizione della rassegna estiva “Il Giardino letterario“. A Villa Vaccarino, alle 19.30, Daniel Speck  presenta il suo libro “Volevamo andare lontano” (Sperling&Kupfer), evento organizzato in collaborazione con Angelica Furnari della Mondadori Bookstore Milazzo.

IL LIBRO. Julia, giovane stilista tedesca, sta per affrontare la sfilata che potrebbe finalmente darle il successo per cui lotta da sempre. Ma, mentre guarda al futuro, il passato torna a cercarla, nei panni di uno sconosciuto che sostiene di essere suo nonno. Dice di essere il padre di quel padre che lei ha sempre creduto morto, e le mostra la foto di una ragazza che potrebbe essere Julia stessa, tanto le somiglia, se solo quel ritratto non fosse stato scattato sessant’anni prima. Milano, 1954. Vincent, promettente ingegnere tedesco, arriva da Monaco con il compito di testare una piccola automobile italiana che potrebbe risollevare le sorti della Bmw. È così che conosce e si innamora di Giulietta, incaricata di fargli da interprete. Lei è una ragazza piena di vita e di sogni – ama disegnare e cucire vestiti – ma è frenata dalla sua famiglia, emigrata dalla Sicilia, e da una promessa che già la lega a un altro uomo. Si ritroverà a scegliere tra amore e dovere, libertà e tradizione, e quella scelta segnerà il destino di tutte le generazioni a venire.

L’AUTORE. Daniel Speck, sceneggiatore di successo, docente e scrittore, è nato a Monaco di Baviera nel 1969. Ha studiato presso l’Università di Monaco e la Sapienza di Roma – città in cui ha vissuto per alcuni anni – e alla Hochschule für Fernsehen und Film di Monaco. Per il suo lavoro di sceneggiatore ha ottenuto premi prestigiosi, come il Grimme Preis, definito “l’Oscar della tv tedesca”. Volevamo andare lontano è il suo romanzo d’esordio.

Francesco Pira, Rossana Franzone e Salvo Presti

GIORNALISMI – La difficile convivenza con Fake News e Misinformation”. Quello in programma oggi è il terzo evento inserito nel cartellone della rassegna letteraria organizzata dall’assessore alla Cultura Salvo Presti. “Il Giardino letterario” è stato inaugurato lo scorso 6 luglio dalla presentazione del libro “Giornalismi” del professore Francesco Pira scritto con Andrea Altinier. Davanti ad un pubblico composto prevalentemente da giornalisti il sociologo e docente dell’università di Messina ha parlato di come è cambiato il mestiere del giornalista e di fake news. «Il giornalista – ha detto – rimane uno dei mestieri più belli al mondo ma adesso bisogna ripensare un circuito deontologico ed etico che portarti a un giornalismo “responsabile”». Quella del professore Pira è stata un’attenta e dettagliata analisi del mondo dell’informazione. Un mondo cambiato da quando i social hanno preso il sopravvento sui classici strumenti di informazione. Un’analisi che ha incantato i numerosi presenti perchè rivolta non solo agli operatori del settore ma anche ai cittadini che spesso si trovano costretti a subire una cattiva informazione determinata da un non corretto uso delle fonti. Altro argomento che Francesco Pira, durante l’incontro milazzese, ha trattato nei minimi dettagli e che approfondisce in maniera chiara e precisa all’interno del suo libro.

Francesco Pira dopo Milazzo sarà domani, 13 luglio, alla libreria Mondadori a Gela, il 22 alla Villa Barone Alfieri a Pozzallo, il 24 a Santa Teresa di Riva e il 26 a Realmonte. E a settembre insieme ad Andrea Altinier toccheranno varie città d’Italia, dalla capitale a Milano, Torino, Venezia, Trevisto e Verona.

ECCO IL PROGRAMMA della rassegna estiva “Un Giardino letterario”:

 

Condividi questo articolo
843 visite