Un buon successo di pubblico ha salutato, in occasione del tradizionale pellegrinaggio di S. Antonio da Padova, l’inaugurazione in notturna dell’antico frantoio di contrada Croce al Capo. Si tratta della nuova sezione staccata del Museo Etnoantropologico “D. Ryolo” di via Impallomeni, che, dopo l’apertura lo scorso anno del punto espositivo nel Porto dedicato a Luigi Rizzo, incrementa adesso l’offerta turistica e culturale di Milazzo con questo affascinante e suggestivo scrigno delle tradizioni agricole.
L’apertura è stata resa possibile grazie alla convenzione siglata tra la Società Milazzese di Storia Patria e la famiglia Parisi Castellano, proprietaria dello storico fabbricato rurale, che in questo ultimo decennio ha salvaguardato con amorevoli cure e con non pochi sacrifici l’antica macina in pietra, il possente torchio ligneo ed una serie di arnesi agricoli alcuni dei quali – è il caso dello zappone bicorne del Capo – ormai introvabili. Il frantoio sarà nuovamente aperto alle visite gratuite in notturna sabato 23 giugno e venerdì 27 luglio.

Condividi questo articolo
1.800 visite