La stagione estiva è alle porte e l’associazione Adasc rilancia la proposta di istituire la Milazzo a spiaggia per gli amici a quattro zampe. Molti comuni turistici già da anni hanno disciplinato l’accesso degli animali d’affezione nelle spiagge libere con l’istituzione delle pet Beach. Il turismo animalista si sta rivelando una nicchia sempre più importante. «In altre località turistiche italiane sono stati istituti tratti di spiaggia e hanno riscontrato un enorme successo anche con incremento dei flussi turistici. Rappresentano una delle risposte per incentivare il turismo – dichiara Anna Isgrò vice presidente dell’associazione Adasc. 

La tutela degli animali d’affezione è sempre più sentita dalla cittadinanza. Anche le istituzioni europee e nazionali hanno concentrato la loro attenzione su questa materia ad esempio la Convenzione del Consiglio d’Europa per la protezione degli animali da compagnia. Il Ministero del Turismo, negli ultimi anni, ha promosso campagne per favorire l’accesso degli animali da compagnia all’interno di strutture ricettivo-turistiche.
«Purtroppo nella stagione estiva si intensifica il deprecabile fenomeno dell’abbandono di animali domestici anche in virtù dei divieti e delle limitazioni alla circolazione degli animali soprattutto nelle zone turistiche – dichiara Peppe Maimone presidente Adasc – considerata l’estensione chilometrica della nostra spiaggia potrebbero essere istituti due tratti; il primo in zona San Papino e il secondo fra San Giovanni e Santa Marina».
«Tramite una regolamentazione é possibile rendere, su questo tema, la nostra città al passo con i tempi», aggiunge Antonella Furnari componente del consiglio direttivo. 

L’associazione suggerisce di inserire quindi delle regole ben precise quali: possono accedere alla spiaggia esclusivamente i cani regolarmente iscritti all’anagrafe canina; qualunque deiezione degli animali stessi deve immediatamente essere rimossa a cura del proprietario/detentore, che dovrà essere munito di paletta/raccoglitore e riposta negli appositi contenitori; i proprietari/detentori dei cani sono responsabili del benessere, del controllo e della conduzione degli animali; Il proprietario deve portarsi con sé il libretto sanitario con dell’amico a quattro zampe che esibito in fase di controllo da parte degli organi preposti alla vigilanza; Gli animali possono fare il bagno in mare solo nello specchio acqueo indicato; Gli animali devono essere esenti da infezioni di pulci, zecche o altri parassiti.

Una proposta votata all’unanimità anche dagli altri componenti del consiglio direttivo Antonella Di Natale e Micaela Polistena. 

Condividi questo articolo
2.164 visite

Rispondi

6 Commenti su "Milazzo, l’Adasc propone una spiaggia dedicata ai cani"

avatar
400
più recente meno recente più votato
Giovanni
Ospite

Già i marciapiedi sono impraticabili figuriamoci le spiagge già comunque colme di bisogno dei cani considerato che il milazzese civile e amante degli animali pur di non raccogliere i bisogni porta il cane in spiaggia. Complimenti per le iniziative interessanti !!!!

Camula
Ospite

Trovo quanto mai opportuna una iniziativa di tal guisa.
Una Delle poiché occasioni in cui sarebbero contenti gli amanti degli animali che i detrattori.
A quando la realizzazione?

Yanez de Gomeira
Ospite

portateli a casa vostra, nella vostra terrazza o nella vostra vasca da bagno!

Milazzese_STUFO
Ospite

Anche perché se poi la realizzi e metti delle regolamentazioni serie, tipo museruola, obbligo di pulizia e totale responsabilità dei padroni per danni a cose o persone, e soprattutto metti personale che ti OBBLIGA A FARLE RISPETTARE, si riceveranno onde di critiche del tipo che ai cani deve essere lasciata la libertà di fare ciò che vogliono in spiaggia. Allora evitiamo proprio di realizzarla.

Milazzese_STUFO
Ospite

No, no, no ed ancora NO!!! Sono un amante degli animali, che sia chiaro, ma creare una spiaggia per cani significa realizzare una latrina a cielo aperto. Già altrove è stato dimostrato come queste strutture vengano prese d’assalto da chi al cane lascia fare ciò che vuole, in barba a tutte le norme igieniche e sanitarie. Già immagino feci di cane in giro per la spiaggia e puzza d’urina.