IL COMMENTO. L’adozione del verde di Villa Vaccarino fa “svegliare” le associazioni locali che si ricordano del bene architettonico abbandonato da anni. Tra queste Italia Nostra Milazzo che  – in una nota –  da un lato ritiene “troppo estensiva” l’applicazione del ”Regolamento comunale per l’adozione di aree pubbliche e arredi urbani” del 2014 («ponendo così un bene storico e culturale assai caro alla cittadinanza sullo stesso piano di uno slargo o una rotatoria») dall’altro non spiega in che modo si sarebbe dovuto gestire la questione e con quali ulteriori benefici ulteriori per il Comune che a costo zero avrà un bene manutenzionato, mantenendone il controllo.

Ad onor del vero l’associazione guidata da Gugliemo Maneri il 21 giugno 2017  fece aprire  al pubblico i cancelli dell villino liberty che per decenni ha ospitato gli uffici giudiziari distaccati del Tribunale di Barcellona in occasione dell’iniziativa  “Per la riapertura dei cancelli di Villa Vaccarino”. Da quel momento in poi, però, nessun gesto concreto in quella direzione è stato compiuto dall’associazione. Avrebbe potuto dare la disponibilità ad adottare i giardini o a tenere aperti i cancelli qualche ora al giorno, grazie ai volontari di Italia Nostra,  per far visitare le suggestive aree esterne: l’opera dello storico Massimo Tricamo e della Società Milazzese di Storia patria ne sono l’esempio più fulgido per quanto riguarda altre strutture.

Ora che l’area è stata adottata da un privato, lo “Studio legale Vincenzo Isgrò“, Italia Nostra comincia a mettere paletti temendo una “strisciante privatizzazione” nonostante la presenza di un protocollo che già chiarisce tutti questi  aspetti (LEGGI QUI).

«Non abbiamo pregiudizi riguardo all’intervento di privati che per generoso mecenatismo si impegnino a garantire la pulizia e la manutenzione dei Giardini – precisa il sodalizio –  ben venga se serve a sopperire alle difficoltà del Comune nella cura del patrimonio culturale e del verde pubblico. Ma è indispensabile che resti all’Ente Pubblico la concreta gestione del bene e non si vada, in questo come in altri casi, in direzione di una strisciante privatizzazione di luoghi e beni comuni, come accaduto nel caso della Ngonia del Tono, di tratti dell’area pedonale di via Medici o del litorale di Ponente», assicura l’associazione che si riferisce, comunque, alla legittima concessione di suolo pubblico a delle attività di ristorazione in una città che vorrebbe essere a vocazione turistica.

Poi, nella speranza «che al più presto si avvii l’iter per il recupero dell’intero immobile oggi inagibile nella prospettiva della sua utilizzazione come pubblica struttura culturale e/o del turismo» auspica: che l’accesso sia gratuito e aperto per l’intera giornata a chiunque voglia trascorrere del tempo in una delle poche oasi verdi del centro cittadino; che si vigili affinché venga esclusa drasticamente ogni attività di lucro anche se finalizzata a reperire i mezzi economici per le attività di manutenzione; che venga garantito il rispetto della natura e l’eccezionale valenza di ”orto botanico” dei Giardini evitando interventi arbitrari e dannosi per le rare specie arboree di pregio lì raccolte; che l’uso dei Giardini per attività culturali programmate dalle Associazioni cittadine (convegni, conferenze, mostre, concerti, ecc…) si svolga gratuitamente e che la concessione e il calendario di queste attività sia di esclusivo appannaggio del Comune.

Tutte cose condivisibili e, infatti, già normate. Il punto è un altro: è lampante che il Comune non è in grado di garantire la normale manutenzione  di queste aree, dunque in qualche modo bisogna affrontare i problemi in maniera pragmatica anche con il rischio di concedere qualcosa ai privati. Piuttosto: c’è qualcuno disposto ad adottare il verde di Villa Nastasi?

Gianfranco Cusumano

Condividi questo articolo
2.377 visite

8
Rispondi

avatar
400
5 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
wlitaglianoillocolpelonellostomacocol pelo sullo stomacoSaretto Recent comment authors
più recente meno recente più votato
illo
Ospite
illo

il Comune a giugno e dicembre incassa milioni di euro con l’ imu e la tasi sulle seconde case; esca i soldi!

Saretto
Ospite
Saretto

Concordo con quanto scritto dalla redazione di Oggimilazzo e mi faccio una riflessione. Perchè proprio Italia Nostra non prende in cura gratis il verde di Villa Nastasi….così dimostrano che sanno anche fare e non solo dire….mettendo anche la mano in tasca. GRAZIE

nativo milazzese
Ospite
nativo milazzese

avete dato notizia di un finanziamento per la ristrutturazione del vecchio mercato di via Pescheria. La facciata d’ingresso da via pescheria, bella da vedersi nel suo insieme, èmcoperta da una grande struttura del ristorante prospiciente la piazzetta. Chiaramente nessuno avrà il coraggio di far togliere quella struttura detta “non fissa” ma sicuramente eterna!.

massimo
Ospite
massimo

10 ,100 Isgro’ che prendendosi cura di beni lasciati all’abbandono combattono con azioni concrete una societa’accidiosa invidiosa ed imbelle

senzapelisullalingua
Ospite
senzapelisullalingua

Probabilmente è un primo passo per entrare il primo piede nella scarpa .. in modo da poter poi scalzare con escamotage il bene comune,come le aree concesse ai ristoratori e bar,di cui il comune dirigenti e vigili non si curano dei vincoli di concessione,e lasciano libero arbitrio a chi si appropria di spazi maggiori e senza ritegno alcuno(con strutture fisse,vasi di fichi d’india e spinose varie).

col pelo sullo stomaco
Ospite
col pelo sullo stomaco

Caro mio signore del…. BLA BLA BLA….
Dalle nostre parti si dice che è meglio fare invidia che fare pietà.. Mi saluti i suoi suggeritori..

colpelonellostomaco
Ospite
colpelonellostomaco

Caro amico del … Bla Bla Bla .. porta tu le scarpe .. almeno fai una cosa …. visto che in tutti questi anni tu e i tuoi suggeritori siete rimasti solo a guardare …

wlitagliano
Ospite
wlitagliano

pelo “sullo stomaco” non nello stomaco… quello lo hanno i gatti