MESSINA. A Chef Caliri piace sorprendere. Nei suoi piatti, al gusto, si affianca l’originalità. Chef Caliri, che non è nuovo a trovate geniali (è di un anno fa l’invenzione dell’arancino anti-vecchiaia), ha deciso di sbarcare alla kermesse taorminese con un piatto originale. A pochi giorni dal grande evento, che vedrà arrivare a Taormina nei giorni di 20, 21, 22 maggio, più di mille cuochi provenienti da tutt’Italia, chiamati a partecipare alla grande festa della cucina Italiana “Cibo Nostrum”, Caliri fornisce un’anticipazione. Nel corso di un incontro  con i giornalisti in programma al Marina Del Nettuno venerdì 18 maggio alle 10,30, verrò presentato lo strano “piatto” che lo chef Pasquale Caliri presenterà il 21 maggio a “Cibo Nostrum”.
«Non un piatto ma una scatola – anticipa Caliri – un piccolo box che contiene il set per la preparazione di un dessert. Stavolta il dolce lo faremo insieme ai nostri ospiti». “TiramipiùSu” il nome dell’originalissima creazione che non mancherà di stupire i palati dei visitatori della kermesse. «Vogliamo giocare – spiega lo chef – per questo abbiamo scelto un dessert. La pasticceria rimane sempre un campo dove la sfera del gioco è possibile. Il dessert ci rimanda alle emozioni dell’infanzia dove la componente ludica non può mancare. Il TiramipiùSu – promette Caliri- sarà un concentrato di delizia, di praticità e di giocosità, perchè la cucina è anche questo”.
La creazione di Caliri, già registrata, sarà presentata in edizione limitata come prototipo del dessert portatile che sarà successivamente commercializzato.

Condividi questo articolo
312 visite