Venerdì 27 aprile, alle ore 18, all’Eolian Milazzo di via Cappuccini, sarà proiettato «Nel nome di Geova”, un’inchiesta sui testimoni di Geova che si preannuncia interessante non solo per il contenuto che susciterà non poche polemiche (ha come tema portante il “mondo spirituale”, con particolare riferimento all’etica e ai lati oscuri di questa religione) ma anche perché a realizzarlo è stata Sofia Mezzasalma, studentessa neo diciottenne che frequenta l’ultimo anno del Liceo classico “Impallomeni”.

«Il progetto è nato un anno fa con un fine ben preciso – spiega la giovane film-maker mamertina – mettere a confronto, tra loro, le diverse religioni appartenenti al Cristianesimo. Tra cattolici, evangelici ed ortodossi, sono incappata in quella che religione non è – sostiene – e proprio in quel momento che il documentario ha iniziato ad assumere una piega diversa».

Sofia si è immersa, letteralmente, in un mondo a lei sconosciuto, iniziando ad informarsi sulla seconda religione più praticata dagli italiani.

«Una realtà che, credetemi, ha dell’inverosimile – assicura – una “religione” che tutti crediamo di conoscere limitandoci a ritenere che si tratta di “quelli che la domenica mattina, alle 9, vengono a suonare ai nostri citofoni”, ma la situazione, in verità, è un po’ più complessa».

L’autrice del documentario ha intervistato Rocco Politi, ex Anziano (una sorta di vescovo, paragonandolo al mondo cattolico) che ha ammesso di avere condiviso le scelte di chi ha preferito la morte evitando trasfusioni. E’ entrata nelle loro “Sale” dentro le quali praticano le adunanze, e ascoltato le storie di chi è stato abbandonato dalla propria famiglia per aver “lasciato” Geova. Ma anche di temi forti come pedofilia e ostracismo.

«E’ stato un progetto lungo e faticoso – conclude Sofia Mezzasalma – ho pregato alcuni dei “seguaci” di lasciarsi dietro quel mondo. Era una situazione più grande di me: non ce l’ho fatta. Sono cosciente di cosa comporterà la pubblicazione del documentario ma se, vedendolo, anche solo una persona riuscirà a trovare la forza per uscire da questa Congregazione e recuperare la propria libertà, significherà che tutto il mio impegno, non è stato vano. Non intendo “imporre” il mio pensiero ma, semplicemente, spingere a riflettere».

Condividi questo articolo
2.825 visite