Un nuovo successo per l’Acd Fogore di Milazzo. Due dei suoi giocatori sono stati convocati da Augusto Gentilini alla Rappresentativa Nazionale Dilettanti Under 15. Ad attirare l’attenzione del selezionatore sono stati Stefano Currò e Marco Scolaro. Entrambi giovani talenti che durante il campionato hanno giocato ad altissimi livelli.  Stefano, ragazzo dall’estroso talento con il ruolino di fantasista di centrocampo, ha sempre saputo gestire molto bene il possesso palla con rapidità e tecnica. E’ già alla sua seconda affermazione di vincente nel campionato regionale. Lo scorso anno, infatti, ha vinto con Orsa di Barcellona Pozzo di Gotto. Marco, che quest’anno ha realizzato 21 reti, ha sempre dimostrato grandi capacità tecniche e tattiche corredate da eccellenti doti atletiche che riesce a portare sul campo senza nessuna esitazione. Senza essere una prima punta ricopre ottimamente le fase offensiva e difensiva con grande duttilità e sacrifici per il gruppo.

Stefano e Marco parteciperanno al raduno territoriale Area Sud che si terrà mercoledì 18 aprile a Catanzaro, al Centro Federale Territoriale nell’ambito del progetto giovani Lnd, iniziativa che ha lo scopo di selezionare gli under 15 che indosseranno la maglia azzurra.

Irrera

«Siamo orgogliosi dei nostri due Giovanissimi Regionali  – afferma  il team manager dell’Acd Folgore Filippo Gitto hanno dominato a suon di numeri il girone C, condotti magnificamente dai mister  Alessandro Cosimini e Carmelo Foti». Poco fortunata invece la valutazione finale per il forte centrale difensivo, Riccardo Irrera, che non è stato inspiegabilmente convocato per il trofeo delle Regioni con la Rappresentativa Siciliana di categoria. «Di certo – continua Gitto –  per il giovane difensore della Folgore le note positive non mancano. I nostri ragazzi hanno condotto un campionato a ritmi strepitosi meritando l’interesse dei tanti addetti ai lavori». «Marco e Stefano – inteviene il presidente Salvatore De Luca – rappresentano degnamente e con orgoglio il nostro gruppo».

Condividi questo articolo
1.776 visite