Eros Aricò

Il Campionato Regionale Siciliano di Motocross per il milazzese Eros Aricò, comincia domani con una novità. Il talentuoso pilota e vicecampione di Sicilia della categoria Senior scenderà in pista a Noto tra le fila della Steels Motocross, team da sempre impegnato nella scoperta di giovani talenti. La storica scuderia castiglionese, infatti, da settembre segue il tredicenne mamertino che sotto gli occhi attenti del tecnico Andrea Botti sta vivendo con grande determinazione questa nuova sfida. Quella di consacrarsi tra i più veloci d’Italia. «Per noi – dice Andrea Botti, presidente della Steels Motocross – l’inserimento di Eros nel nostro team rappresenta una gran bella novità. Con noi oltre a quello Regionale disputerà il Campionato Italiano nella categoria Mx85 Senior. Già dal mese di settembre vive dei lunghi periodi di allenamento con noi ad Arezzo».

Andrea Botti non ha dubbi. Eros ha delle grandi capacità e con una mirata preparazione atletica e un allenamento costante potrà arrivare ad ottenere grandi risultati. Risultati che ha già in parte raggiunto solo ed esclusivamente con il supporto del papà Stefano, da sempre al suo fianco anche nelle vesti di allenatore. «Per me – continua – supportarlo è un grande piacere. Oramai da tempo seguo Eros e quello che mi ha sempre colpito è il fortissimo legame che ha con il padre. Suo angelo custode da sempre. Mi sono subito affezionato a loro anche per questo motivo».

«Per noi Eros – commenta Botti – rappresenta insieme a Morgan Bennati, altro nostro pilota, una delle maggiori promesse italiane. Lo accompagneremo nel corso della stagione con la speranza di vedere i colori della Steels ai vertici delle classifiche regionali e nazionali». Eros con la sua nuova scuderia segue un allenamento mirato a potenziare la sua già eccezionale preparazione. Ma ha anche la possibilità di essere seguito dal punto di vista meccanico e soprattutto di conoscere prima delle gare le piste dove sfiderà i suoi avversari. Cosa che prima non riusciva sempre a fare. «Se da solo – conclude Botti – è riuscito ad arrivare a questi livelli sono sicuro che con una preparazione più accurata crescerà tantissimo».

«Non è stato facile prendere questa decisione – confessa papà Stefano– ma era un passo che andava fatto. Eros durante il mese si allena in Toscana con tutte le difficoltà legate agli spostamenti, alla lontananza dalla famiglia e dalla scuola. Ma va bene così. Io e lui siamo sempre stati inseparabili, ma continuare qui da soli era veramente diventato impossibile. Eros aveva delle lacune legate alla mancanza di un team forte alle sue spalle. La scelta di affidarlo alla guida attenta di Andrea Botti e della sua scuderia è stato un passo dovuto così come consigliato anche da Nuccia Cairoli, presidente del Moto Club “222 Motocross Park”. Ed ho scelto loro per la professionalità e l’amore che mettono in questo sport e soprattutto nei confronti dei ragazzi».

Eros, in sella alla sua moto da quando aveva cinque anni, ha debuttato nel 2014 nelle gare nazionali e l’anno successivo, nel dicembre del 2015, ha vinto il titolo di campione regionale della categoria “cadetti”. Ora lui e il suo inseparabile numero 7 sono pronti a questa nuova sfida.

Rossana Franzone

Condividi questo articolo
2.356 visite