LA LETTERA. Si fa sempre più complicato il rapporto tra gli utenti e la posta di Milazzo. La consegna della corrispondenza, infatti, avviene sempre con forte ritardo e solo in alcuni giorni della settimana. A farne le spese i cittadini che si ritrovano con bollette scadute da giorni e importanti documenti recapitati con forte ritardo. Ecco lo sfogo inviato a redazione@oggimilazzo.it da parte di un nostro lettore.

Desidero lamentare l’estrema e vergognosa lentezza delle poste italiane a Milazzo. In data odierna in via Feliciata (Santa Marina frazione di Milazzo) è finalmente arrivata la posta (dopo oltre una ventina di giorni di assenza del postino), addirittura è arrivata della corrispondenza (posso fornire la foto) inviata il 23 Novembre dalla Sardegna, e che è arrivata solo oggi 28 dicembre. Aspettavamo, sia io che altri residenti della zona, delle comunicazioni importanti da parte dell’INPS inviate il 1 dicembre da Roma (la mia), che sono arrivate solo oggi 28 dicembre.

Avendo stamattina scorto finalmente il postino nella strada ho voluto parlare direttamente con lui anche per esprimere la mia lamentela. La risposta è stata che è una decisione presa dalla direzione e che esistono due zone nella quale viene passata la corrispondenza, la Zona A e la Zona B, e che non dipende da lui se la corrispondenza non arriva, perché riceve comunicazione dalla direzione di passare la corrispondenza solo in una zona e non nell’altra. Bollette arrivate già scadute e che Tim, Enel, ecc… vorranno ovviamente pagate con i rispettivi costi per il ritardo. La Tim mi ha chiamato la scorsa settimana in quanto ancora non aveva ricevuto il saldo della bolletta che è scaduta il 15 dicembre intimando con una voce registrata il taglio della linea, la bolletta è arrivata solo oggi.

Sono stato nel centro smistamento di Milazzo ben due volte nelle scorse settimane a portare le mie lamentele, in quanto aspettavo anche una raccomandata con della documentazione per una domanda di lavoro che era stata inviata ai primi di dicembre e che era ferma a Milazzo da 10 giorni. Ritengo che il servizio dato ai cittadini (soprattutto della periferia) sia carente, e non capisco la motivazione per la quale la corrispondenza venga passata solamente in una zona la A e la zona B venga lasciata senza servizio. Cordiali saluti alla direzione.

GIOVANNI ANANIA

Condividi questo articolo
513 visite