Tentato omicidio. E’ questo il reato di cui dovranno rispondere i due diciassettenni arrestati stanotte dai poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale A20. Sono stati sorpresi a lanciare sassi da un cavalcavia sulla A20 Palermo / Messina, dopo l’ospedale Grazia di Milazzo, al km 39+540, intorno alle 03.30.

Da giorni i poliziotti erano impegnati in servizi di controllo del territorio potenziati dopo il verificarsi di altri episodi similari registrati su tutto il territorio nazionale e che nel milanese hanno portato alla morte di una donna. L’attività operativa info-investigativa ha permesso stanotte di individuare e sorprendere i due diciassettenni che hanno tentato di allontanarsi dal cavalcavia ma sono stati raggiunti e arrestati.

I minorenni, difesi dagli avvocati Gianni Pino e Diego Lanza, avevano già colpito un’auto in transito, raggiunta sul parabrezza da un pezzo di lastra di cemento utilizzata generalmente per la copertura dei canali di scolo delle acque piovane. Il pezzo di cemento ha frantumato il parabrezza, ammaccato il cofano e sfondato la mascherina anteriore destinata all’areazione posta nel paraurti, dove è rimasto in parte incastrato. I detriti prodotti dall’impatto hanno danneggiato altre vetture in transito ma, fortunatamente, nessuno ha riportato lesioni. Solo una grande paura.

I due diciassettenni, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati trasferiti in un centro di prima accoglienza per minori.

16,753 Visite totali, 8 visite odierne

Condividi questo articolo...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Rispondi

13 Commenti su "Sassi dal cavalcavia a Grazia, arrestati due minorenni di Milazzo"

avatar
400
Ordina per:   più recente | meno recente | più votato
Massimo
Ospite

Per compiere 18 anni ci vuole tanto? Almeno sappiamo i nomi e chi sono. Avvocati, chiedete che facevano a quell’ora li visto che non sono stati presi in flagrante come dite voi.

Nymus
Ospite

Non siete nessuno per giudicare i genitori senza saperne l’identità, che hanno insegnato e pure bene l’educazione al figlio. Vorrei vedere voi con un figlio problematico che non vi fa dormire la notte. Ognuno è peccatore del proprio peccato e il ragazzo si prenderà le proprie responsabilità. I genitori dovrebbero essere più severi.

Anonimo
Ospite

Concordo .

Lino
Ospite

Purtroppo domani li rivedremo in circolazione … con le leggi che solo in Italia possono esserci. Io almeno farei passare il Natale in cella. Ma non sarà così …

Schifato
Ospite

Certi gesti non devono essere difesi ma soltanto puniti. Quindi non dovrebbe esserci nessun avvocato che difenda certe azioni.. Ma con quale coraggio si può giocare con la sicurezza della gente che viaggio in auto è da buttare la chiave della cella e non vi dica che sono ragazzate a 17 anni nei tempi in cui viviamo non si è più con gli occhi chiusi. Vergogna…

Antonio
Ospite

Confidiamo nel buon lavoro del giudice nel togliere dalla circolazione due pericolosi criminali

senzapelisullalingua
Ospite

Credi ancora nella giustizia italiana e sopratutto nell’operato dei giudici…mah!!

wpDiscuz