Quarantaquattro o sessantasei milioni? La delibera del dissesto approda in Commissione consiliare. Ad intervenire,  oltre ai consiglieri, i Revisori dei Conti, il sindaco Giovanni Formica, il segretario generale Evelina Riva e il ragioniere generale Francesco Consiglio. E’ stato proprio quest’ultimo a relazionare, così come richiesto da alcuni consiglieri (Alesci, Italiano, Oliva, Midili) sulle cause che hanno determinato la Giunta a dichiarare il dissesto che ora dovrà essere approvato anche dall’aula consiliare dove la delibera approderà conclusa questa fase di approfondimento nella Commissione. Il consigliere Pippo Midili ha da subito espresso perplessità sull’entità di debiti. A suo giudizio sono ben 66 milioni d non 44 come comunicato dal sindaco Formica pubblicamente.

Il dirigente Consiglio ha spiegato che sono stati diversi i fattori che hanno portato al default. Dalla notevole mole di debiti fuori bilancio che non consente di redigere un bilancio, al problema della “cassa” che costringe l’ente a ricorrere sempre all’anticipazione di tesoreria, alla difficoltà che in questi anni si sono registrati nell’incasso dei tributi locali. «È chiaro che oltre al dissesto occorrerà modificare alcune condotte di spesa», ha concluso il neo dirigente della Ragioneria, seguendo per certi versi quello che è stato da sempre il pensiero del sindaco Formica.

Nel corso della riunione si è anche fatto cenno alla relazione dell’ispettore ministeriale della Ragioneria dello Stato, Giovanni Logoteto la cui relazione è stata allegata alla delibera di dissesto, mentre il presidente   Fabrizio Spinelli ha comunicato che nella prossima seduta – si riprenderà mercoledì alle 11,30 – saranno messi a disposizione dei consiglieri alcuni atti già richiesti quali quelli da cui si evince l’impossibilità di ricorrere al piano di riequilibrio, l’elenco analitico dei debiti fuori bilancio, le risultanze dell’audizione del sindaco e del segretario a Palermo presso la Corte dei Conti e soprattutto le certificazioni dei dirigenti e funzionari dei singoli settori di Palazzo dell’Aquila riguardanti i debiti fiori bilancio, sia fatte di recente che nell’ultimo triennio 2012-2014.

 

Condividi questo articolo
322 visite

2
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Votate un miopefedelissimo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Votate un miope
Ospite
Votate un miope

Ora comincia il vero film di questa giunta. Firmeranno i consiglieri che nella scorsa amministrazione si erano guardati bene dal farlo?
Ammetterà prima o poi mr. semplice che era meglio se si dedicava a fare ricorsi contro il Comune? In quanto promotore di ricorsi, poteva, seriamente, essere candidato ed eletto?
Votate un miope, non in senso clinico, ma politicamente parlando e calerà la notte..

fedelissimo
Ospite
fedelissimo

Quelli del 2006/2007 e 2008 che ancora deve percepire il personale della P.M. sono stati inoltrati dal Dirigente????? o se li è dimenticati????